Disponibile
Trascendenza e mondo secolare
Ingolf U. Dalferth

Trascendenza e mondo secolare

Prezzo di copertina: Euro 27,50 Prezzo scontato: Euro 23,38
Collana: Biblioteca di teologia contemporanea 180
ISBN: 978-88-399-0480-5
Formato: 16 x 23 cm
Pagine: 256
Titolo originale: Transzendenz und säkulare Welt. Lebensorientierung an letzter Gegenwart
© 2016

In breve

Prefazione all’edizione italiana di Andrea Aguti

La vita cristiana, immersa in un mondo profano, si vuole radicalmente orientata alla Trascendenza: Dalferth approfondisce criticamente questa consapevolezza, in chiave filosofica e teologica. E spiega: per il cristiano ciò che conta è rendere presente il Padre di Gesù Cristo in tutti gli atti vitali che compie, lasciandosi alle spalle la semplicistica alternativa tra vita religiosa e vita non-religiosa.

Descrizione

Va di moda sostenere che oggi in Occidente, allontanatasi l’ondata secolarizzatrice, siamo pacificamente immersi in una nuova epoca religiosa post-secolare.
Ma questa lettura semplicistica dice solo una parte della verità. Dalferth ci mette sull’avviso: la fede dei cristiani sin dalle origini ha inteso rendere profano il mondo, operare una critica della religione e delle religioni, dare nuova forma alla vita umana alla presenza di Dio. Per il cristiano ciò che conta è rendere presente e attuale il Padre di Gesù Cristo in tutti gli atti vitali, lasciandosi alle spalle la semplicistica alternativa tra vita religiosa e vita non-religiosa.
Decisiva non è dunque la differenza tra sacro e profano nel mondo, ma la distinzione – nello spazio mondano – tra una vita che al Dio trascendente si orienta (fede) o non che invece non lo fa (incredulità). Vivere religiosamente non è buono in sé e per se; dipende da come si è ciò che si è e da come si fa ciò che si fa.
In estrema sintesi: la vita cristiana, immersa in un mondo profano, si vuole radicalmente orientata alla Trascendenza: Dalferth approfondisce criticamente questa consapevolezza, in chiave sia filosofica sia teologica.

Commento

Il primo testo in traduzione italiana di un grande teologo di lingua tedesca