Disponibile
Teologia della musica
Sergio Militello

Teologia della musica

Prezzo di copertina: Euro 16,00 Prezzo scontato: Euro 15,20
Collana: Nuovi saggi 100
ISBN: 978-88-399-1000-4
Formato: 12 x 20 cm
Pagine: 184
© 2021

In breve

«La riflessione non si restringe all’ambito della musica sacra o della musica liturgica. Allarga, invece, l’orizzonte speculativo al “fenomeno musicale” in senso lato, là dove appaiono con evidenza possibili incidenze spirituali» Sergio Militello.

Descrizione

Queste pagine intendono presentare sotto il profilo teologico quell’ambito esperienziale che è la musica.
La musica è linguaggio singolare che, oltre ad essere altamente espressivo, si mostra “universale” perché capace di affratellarci; è linguaggio che come nessun altro sa far percepire il Mistero nella dimensione simbolico-estetica dell’arte.
Non c’è espressione dei sentimenti umani più grande della musica. Sulla sua magia hanno riflettuto tanti uomini e donne di cultura lungo la storia (matematici e filosofi, musicisti e teologi…), aspirando a decifrare le orme della Bellezza che si rivela nella “teofania” dei suoni. Sulla loro scia, questo studio – nato dall’esperienza didattica – si pone a sua volta l’obiettivo di introdurre a un discorso teologico sull’intero fenomeno musicale, dalla sua genesi ispirativa fino alla sua realizzazione scritta, dalla sua esecuzione al relativo riscontro sull’uditorio, quale recezione contemplativa entro le categorie estetiche dell’arte.

Recensioni

[…] Accostiamo uno studio molto essenziale ma suggestivo su un soggetto in passato messo raramente sotto la lente della teologia, eppure di capitale rilievo: la musica. Ad aprire questa strada - che non è meramente una recensione fenomenica dei temi religiosi nella musica, ma una «teologia» dell'atto musicale in sé considerato - sono stati vari pensatori ecclesiali contemporanei, a partire dal celebre teologo Hans Urs von Balthasar per passare anche a Joseph Ratzinger, Hans Küng, Anselm Grün, Don E. Saliers, ma soprattutto alla vasta e originale bibliografia di Pierangelo Sequeri. Ora ci prova, con la sua competenza di musicista e musicologo, ma anche con la sensibilità di maestro di cappella e di docente, Sergio Militello.

Proprio per questo il suo approccio teologico non si esaurisce nel perimetro pur alto e nobile della musica sacra e liturgica ma si allarga all'intera «prima arte del sentire umano», capace però del balzo verso la trascendenza del dialogo col divino. È, appunto, la dimensione simbolica della musica per cui - secondo la tradizione giudaica - le note del pentagramma sarebbero la scala dimenticata dagli angeli sulla terra, dopo averla usata per scendere dal patriarca biblico Giacobbe a comunicargli il messaggio di Dio (Genesi 28,10-22). A questo punto, basta seguire il tracciato proposto da Militello che, pur partendo dai primordi stessi del linguaggio sonoro, punta a individuare il valore teologico della musica, considerandola nella sua straordinaria potenzialità simbolica un «luogo» ove il divino e l'umano si abbracciano in consonanza. Si ha, quindi, un'epifania dell'esperienza di fede, dello spirito e del cuore, dell'assemblea umana orante, ma anche una teofania della grazia, del mistero, della rivelazione divina.

Non poteva mancare un'applicazione concreta che, con la sua competenza ed esperienza, Militello affida al maestro supremo in questo discorso, ossia Johann Sebastian Bach, del quale viene proposto il mirabile Magnificat (BWV 243), in un'emozionante esegesi. Anche se abusata, diventa necessaria la citazione dell'agnostico Emil M. Cioran: «Quando voi ascoltate Bach, vedete nascere Dio. Dopo un suo oratorio, una cantata o una Passione, Dio deve esistere. E pensare che tanti teologi e filosofi hanno sprecato notti e giorni a cercare prove dell'esistenza di Dio, dimenticando la sola!».


G. Ravasi, in Il Sole 24 Ore 23 maggio 2021

Un linguaggio del tutto particolare che circonda, emoziona, coinvolge chi lo ascolta: è l’esperienza della musica, fondamentale parte integrante dell’esistenza umana, portatrice di un linguaggio artistico universale nell’unire genti e culture diverse. L’a. con questo suo saggio, scritto con lo scopo di proporre uno strumento che sia utile per comprendere la stessa musica, introduce il lettore nel discorso teologico sull’intero fenomeno musicale, avendo come obiettivo finale non solo la relazione tra teologia e musica, ma anche quello di esporre una teologia della musica. Un linguaggio, dunque, una musica teologica per dialogare, percorrendo questa avvincente via, con Dio.


D. Segna, in Il Regno Attualità 10/2021