Disponibile
Chi è la Chiesa?
Angelo Scola

Chi è la Chiesa?

Una chiave antropologica e sacramentale per l'ecclesiologia

Prezzo di copertina: Euro 23,50 Prezzo scontato: Euro 19,98
Collana: Biblioteca di teologia contemporanea 130
ISBN: 978-88-399-0430-0
Formato: 16 x 23 cm
Pagine: 336
© 2005, 20113

In breve

Il presente volume è per lo più il risultato di una lunga riflessione. Ho cercato di rendermi conto di come la chiesa possa comunicare l’evento salvifico di Gesù Cristo alla libertà dell’uomo d’oggi senza smarrirne la portata vitale. Ovvero: a quali condizioni la natura della chiesa non perde la forza sorgiva dell’evento stesso – Cristo, signore e redentore – mentre lo comunica?

Descrizione

Come può la Chiesa, in quanto Sposa del Signore, rappresentare il medium intrinseco dell’evento salvifico di Gesù Cristo all’uomo di ogni tempo e luogo sempre radicato in una comunità? O, in altri termini, in che modo la Chiesa può rendere Gesù Cristo effettivamente contemporaneo alla libertà del singolo? Per rispondere a queste domande un’ecclesiologia adeguata urge, oggi più che mai, una doppia “concentrazione”: l’una in chiave antropologica, l’altra in chiave sacramentale. L’espressione “concentrazione” suggerisce il tentativo metodologico di attraversare tutti i contenuti dell’ecclesiologia secondo una prospettiva sintetica che conservi al mistero della Chiesa il suo insostituibile carattere dinamico di evento salvifico e al “trattato” la sua natura intrinsecamente “pastorale”.
Indagando la propria indole “pastorale” la Chiesa testimonia la sua sollecitudine per il singolo uomo con le sue relazioni costitutive e la sua capacità di interazione con il cosmo. Essa può allora affrontare, tra gli altri, sia i temi scottanti della partecipazione e della rappresentanza, sia quelli della natura e delle condizioni per l’esercizio del ministero ordinato. Un’ecclesiologia così rinnovata potrà inoltre consentire la piena assunzione dell’urgenza ecumenica e del dialogo interreligioso come dimensioni intrinseche e non puramente contingenti dell’atto di fede.

Commento

Recensioni

[...] L’attenzione posta dall’A, sull’aspetto metodologico ci sembra lodevole; altrettanto positiva è quella dedicata alla concentrazione dei temi ecclesiologici sulla doppia dimensione sacramentale e antropologica. Essa costituisce, insieme ad altri elementi ricorrenti – fondamentale è la fondazione cristologica della riflessione sulla natura e sulla missione della chiesa –, il fil rouge che attraversa, a partire dalla prima parte dell’opera, anche le altre due. [...]

S. Mazzolini, in La civiltà cattolica 157 (4/2006) 410s.