Disponibile
Vasto spazio
Jürgen Moltmann

Vasto spazio

Storia di una vita

Prezzo di copertina: Euro 39,50 Prezzo scontato: Euro 33,58
Scarica:
Collana: Books
ISBN: 978-88-399-2869-6
Formato: 13,5 x 21 cm
Pagine: 480
Titolo originale: Weiter Raum. Eine Lebensgeschichte
© 2009

In breve

Il teologo tedesco Jürgen Moltmann getta uno sguardo retrospettivo – fresco e ricco di humor – su una vita piena di esperienze interessanti e di incontri significativi. Così il lettore entra “in presa diretta” a contatto con alcune vicende di grande rilevanza per la teologia del XX secolo e per la storia contemporanea delle chiese cristiane.

Descrizione

L’autobiografia di Jürgen Moltmann è un documento affascinante di vivace attualità e allo stesso tempo uno sguardo retrospettivo ricco di humor su una vita piena di esperienze e di incontri significativi. Scritto in occasione del suo ottantesimo genetliaco, 8 aprile 2006, il libro non è solo la “storia di una vita”, ma anche un documento importante per la storia della teologia del XX secolo.

«Ho scritto questa storia di vita per tutti coloro a cui sono legato negli spazi più stretti e in quelli più ampi della vita: per Elisabeth, con la quale condivido la vita da cinquantaquattro anni, per le nostre figlie e i nostri nipoti, per i miei compagni di strada, per i miei compagni di sofferenza e per coloro che sono stati vicini alle mie gioie nella teologia e nella chiesa, nelle facoltà tedesche, nei seminari e nelle università di tutto il mondo, per gli studenti e le studentesse che mi hanno ascoltato annuendo o aggrottando la fronte o che hanno letto i miei libri, o che hanno dovuto leggerli, per i più di duecento dottorandi e non ultimo per i lettori e lettrici a me sconosciuti che prenderanno in mano questo libro. Devo però infine ammettere che scrivendo ho sentito semplicemente la voglia di raccontare e il piacere di scrivere».

Salmo 31,9: «Hai guidato i miei passi nel vasto spazio».

Recensioni

«Un libro gustoso e significativo per conoscere, anche da parte del profano, cosa sia realmente il fare teologia».



G. Ravasi, in Il Sole 24 Ore del 24 maggio 2009, 34

«Studioso impegnato, conferenziere attivo, appassionato viaggiatore. Vasto spazio è la storia di una vita, l'autobiografia di un teologo e di uno scrittore di successo.
Jürgen Moltmann (nato nel 1926), professore a Wüppertal e Bonn e, dal 1967 al 1994, a Tubinga, narra la sua vita, con stile semplice e linguaggio accattivante, e insieme momenti di storia del mondo. Nazismo, fascismo, comunismo, dittature, guerre, colonialismo, terrorismo; ricerca della pace, cristianesimo ribelle, attesa di un futuro migliore: nelle pagine di Vasto spazio c'è il Novecento con le sue tragedie e le sue speranze. C'è Moltmann studente, soldato, prigioniero di guerra; c'è un padre col suo mondo affettivo e con le sue difficoltà economiche, con i suoi sogni e i suoi progetti; c'è un cristiano con la sua attenzione ai meno fortunati e ai disabili...
Il professore si reca, quasi sempre insieme con la moglie Elisabeth, teologa interessata ai problemi del femminismo, in vari paesi d'Europa, nelle Americhe, in Corea, In Giappone, in India... a discutere di diritti umani, di liberazione degli oppressi, dei diritti della terra e del creato, sospinto dalle sue conquiste nel campo degli studi. Conosce filosofi, teologi, pastori, predicatori, editori, traduttori, a molti dei quali si lega con sincera amicizia. Un'opera educativa, la sua, tesa a promuovere la crescita umana e il rinnovamento di strutture, di metodi, di prassi: tesa a promuovere il dialogo tra le confessioni cristiane, tra l'ebraismo e il cristianesimo, tra Scrittura e teologia politica.
Nell'ampio contesto in cui si diffonde, nel suo incontrare la teologia della liberazione latinoamericana, nel suo approccio a movimenti di dissenso e di protesta, il pensiero di Moltmann è colto spesso nelle sue sfumature più appariscenti. Ma la sua lettura, condotta tenendo conto dell'insieme della produzione moltmanniana e a distanza da eventi che in buona parte la datano e la segnano, alla luce delle indicazioni che la stessa autobiografia (vera introduzione all'opera del Moltmann) offre, rivela uno spirito tutto ancorato nell'incontro con Cristo e col suo messaggio di salvezza».


F. Pistoia, in Avvenire del 15 maggio 2009, 26

«L'autobiografia di Moltmann è uno di quei libri che si leggono d'un fiato, nonostante la discreta lunghezza di queste moderne Retractationes.
È veramente tutto il percorso della teologia nel secolo XX che ci viene presentata attraverso l'esperienza e la prospettiva di un teologo che si è inserito man mano in una rete sempre più vasta di contatti internazionali, tanto da poterlo considerare un maestro ascoltato, letto e studiato in tutti i continenti, un teologo "cittadino del mondo"».


L. Dal Lago, in CredereOggi 172/4 (2009) 122-124