Disponibile
Parlare di Dio a partire dalla sofferenza dell'innocente
Gustavo Gutiérrez

Parlare di Dio a partire dalla sofferenza dell'innocente

Una riflessione sul libro di Giobbe

Prezzo di copertina: Euro 14,00 Prezzo scontato: Euro 11,90
Scarica:
Collana: Nuovi saggi 47
ISBN: 978-88-399-0947-3
Formato: 12 x 20 cm
Pagine: 224
Titolo originale: Hablar de Dios desde el sufrimiento del inocente. Una reflexíon sobre el libro de Job
© 1986, 20184

In breve

Gutiérrez compie un viaggio che parte dalla realtà concreta, dominata da povertà e ingiustizia, e approda alla più alta contemplazione.
Perché, come egli stesso ebbe a dire: «Fare teologia, per me, è scrivere una lettera d’amore».

Descrizione

In questo lavoro maturo Gutiérrez offre una lettura originale del libro di Giobbe – uno dei testi più belli della Scrittura giudeo-cristiana –, fondendo vigoroso pensiero teologico e tenero linguaggio poetico.
Giobbe percorre una via lastricata di dolore e solitudine, che lo porta dal linguaggio della tragedia – il lamento del povero e del piccolo, per la sofferenza umana immotivata e irragionevole –, al linguaggio della profezia – la proclamazione della verità e della giustizia che grida al cielo (e alla terra) di fronte all’innocente spogliato di tutto –, al linguaggio della gratuità – l’illuminazione della brezza leggera dell’amore gratuito di Dio.
Mai Giobbe arriva a maledire Dio. Con lui sempre combatte e, alla fine della lotta, lo benedice: «Ti conoscevo solo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti hanno visto».