Disponibile
Le feste di Maria come guide di vita
Anselm Grün, Petra Reitz

Le feste di Maria come guide di vita

Una prospettiva ecumenica

Prezzo di copertina: Euro 9,00 Prezzo scontato: Euro 7,65
Scarica:
Collana: Meditazioni 171
ISBN: 978-88-399-2251-9
Formato: 11 x 20 cm
Pagine: 128
Titolo originale: Marienfeste. Wegweiser zum Leben. Ein evangelisch-katholischer Dialog
© 2003

In breve

Le feste mariane come guide di vita, di una vita più compiuta e più schietta.

Descrizione

La figura di Maria e il culto a lei rivolto dividono i cristiani. Alcuni, come i cattolici, la venerano con devozione, altri, a causa di pregiudizi e di incomprensioni, rifiutano anche nettamente il culto verso la Vergine.
Gli Autori di questo testo, un monaco cattolico e una teologa evangelica, hanno cercato assieme un discorso sulla Vergine che fosse accettabile anche da parte evangelica. Il loro lavoro si è incentrato non tanto su questioni dogmatiche, quanto piuttosto sull’aspetto della vita spirituale così come la tradizione cattolica lo ha sviluppato lungo i secoli. Essi giungono così, ripercorrendo le feste mariane nel corso dell’anno liturgico, a riscoprire l’importanza della figura di Maria per l’uomo e la donna di oggi, e le feste mariane come guide di vita, di una vita più compiuta e più schietta.

Recensioni

Che il dialogo ecumenico risenta oggi di particolari resistenze e chiusure è opinione comune. La ricchezza degli accordi e dei consensi raggiunti rischia di non essere recepito dalla comunità ecclesiale, vanificando di fatto la necessaria conversione richiesta all’idemità confessionale delle chiese, e lasciando agli ecumenismi la triste sensazione di essere considerati alla stregua di un club aperto a pochi eletti. Per questo non si può che essere felicemente sorpresi dall’iniziativa della Queriniana di pubblicare l’agile libretto a due mani che presentiamo. Il noto psicoterapeuta benedettino tedesco Grün e la teologa evangelica Reitz tentano di delineare un volto ecumenico di Maria a partire non dalla Scrittura (questa è forse la novità più significativa!), ma dalla liturgia della chiesa cattolica ovvero dalla proposta cronologica dell’anno liturgico. Non tutte le solennità o memorie sono prese in considerazione, bensì solo quelle più attestate dalla tradizione antica: Immacolata, Madre di Dio, Annunciazione, Visitazione, Assunzione, Natività, Nome di Maria, Addolorata. Il capitoletto sul’Angelus Domini chiude la rassegna.
G. Forlai, in CredereOggi 142 (4/2004) 146-148