Aleksandar Hemon

Nato a Sarajevo il 9 settembre 1964, è un romanziere, saggista e critico bosniaco naturalizzato statunitense che, al centro delle sue opere, colloca i traumi dell’esilio e del conflitto bellico su base etnica. Dal 2004 è Fellow della MacArthur Foundation di Chicago (Illinois, USA).
Ha scritto: The Book of My Lives, New York 2013 [trad. it., Il libro delle mie vite, Einaudi, Torino 2013]; Love and Obstacles. Stories, New York 2009 [trad. it., Amore e ostacoli, Einaudi, Torino 2014]; The Lazarus Project. A Novel, New York 2008 [trad. it., Il progetto Lazarus, Einaudi, Torino 2010]. Quest’ultima opera, negli Stati Uniti, è stata finalista ai premi National Book Award e National Book Critics Circle Award, ed è stata segnalata dal New York Times e dichiarata libro dell’anno dal New York Magazine. In precedenza Hemon aveva scritto anche Nowhere Man, New York 2002 [trad. it., Nowhere Man, Einaudi, Torino 2004], e The Question of Bruno. Stories, New York 2000 [trad. it., Spie di Dio, Einaudi, Torino 2000]. Pubblica di frequente sul New Yorker e ha scritto anche per Esquire, The Paris Review, la pagina degli opinionisti del New York Times e la rivista di Sarajevo Bh Dani.
ordinamento ORDINE TITOLO COLLANA PREZZO
Disponibile
Regina Ammicht Quinn, Mile Babic, Zoran Grozdanov, Susan Ross, Marie-Theres Wacker (edd.) Concilium 1/2015 Religione e identità nel post-conflitto Prezzo di copertina: Euro € 16,00