Disponibile
Benedetto da Norcia
Anselm Grün

Benedetto da Norcia

Prezzo di copertina: Euro 12,50 Prezzo scontato: Euro 10,63
Collana: Sintesi
ISBN: 978-88-399-2955-6
Formato: 11,5 x 19 cm
Pagine: 168
Titolo originale: Benedikt von Nursia
© 2006

In breve

Pochi conoscono la vita e l’opera di Benedetto da Norcia (480-547 circa). Con lo stile che gli è consueto, il benedettino Anselm Grün disegna in queste pagine i tratti del grande santo italiano che, scrivendo la Regola e dando vita all’ordine religioso che da lui ha preso il nome, ha esercitato un influsso incommensurabile sulla civiltà europea. Il suo messaggio rimane vivo e attualissimo.

Descrizione

Molti amano ascoltare il gregoriano cantato dai monaci o hanno visitato con ammirazione l’abbazia di Montecassino o le rovine di Cluny. Ma pochi conoscono sul serio la vita e l’opera di Benedetto da Norcia (480-547 circa).
Eppure il santo italiano, dando vita all’ordine religioso che da lui ha preso il nome, ha esercitato un influsso paragonabile a pochi altri sulla civiltà europea. Il popolare detto che gli viene attribuito, «ora et labora», è da secoli fonte di ispirazione per la spiritualità e la vita quotidiana. Benedetto ha formulato norme di vita di estrema chiarezza e saggezza nella sua Regola, che hanno affascinato molti uomini e donne fino ad oggi: lì egli propone la moderazione negli affari della vita, l’ordine della condotta quotidiana, assegna priorità alla vita interiore e alla liturgia il ruolo di fonte di tutto l’agire.

Commento

Recensioni

[...] Sono pagine da cui traspare anche tutta l'esperienza personale del monaco benedettino, nella consapevolezza che «il cammino spirituale che il singolo percorre è di significato per il mondo intero» (130). Di fronte al dilagare dell'infantilismo e del vittimismo, che generano una «cultura della lamentela» (127), possiamo imparare da Benedetto «a costruire forme cristiane di convivenza, a creare una cultura cristiana della vita, che operano come un lievito nella società» (131). Certamente, questa di A. Grün non è l'unica lettura possibile dell'eredità di Benedetto, ma possiede una sua coerenza e una sua attualità per un'Europa che spesso è tentata di cercare altrove, lontano dalle proprie radici, dei cammini di spiritualità.

E. Cattaneo, in Rassegna di teologia 50 (2009) 152-154