Željko Ivankovic

Nato a Vareš (località a 45 km da Sarajevo) nel 1954, è scrittore, autore di trenta libri di poesia, romanzi, novelle, saggi, pezzi teatrali radiofonici, dibattiti e articoli di giornale (che, tradotti in una quindicina di lingue, hanno anche vinto numerosi premi letterari e di poesia). Fra le sue opere, occorre menzionare queste raccolte poetiche: I tempi senza i verbi (1986), Il crollo dell’immagine (1990), La ricerca del paese natale (1997), La ricchezza, il chiaro di luna freddo (2002), Gesù ha letto il giornale (2006), Il giornale della melancolia (2008); fra le sue prose: I racconti sull’amore e la morte (1989), 700 giorni di assedio (1995), Chi ha acceso il buio? (1995), Nuovi racconti sull’amore e la morte (2001), I racconti di Vareš (2003), Sull’eredità (2010); infine i romanzi e i saggi: Il mondo cominciò così, con il tocco (1992), L’amore a Berlino (1995), Gli orizzonti I-III (1987-2000), Ai margini del caos (2001), Il tatuaggio dell’identità (2007), Leggere Ivankovic a Sarajevo (2010), Uno sguardo dopo i margini (2011).
ordinamento ORDINE TITOLO COLLANA PREZZO
Disponibile
Marie-Theres Wacker, Solange Lefebvre (edd.) Concilium 5/2012 L’acqua segna la nostra vita Prezzo di copertina: Euro € 16,00