Disponibile
Toccati dal Divino
Gotthard Fuchs

Toccati dal Divino

Per una mistica della quotidianità

Prezzo di copertina: Euro 16,00 Prezzo scontato: Euro 13,60
Collana: Spiritualità 181
ISBN: 978-88-399-3181-8
Formato: 13,2 x 19,3 cm
Pagine: 160
Titolo originale: Vom Göttlichen berührt. Mystik des Alltags
© 2018

In breve

«È come se Dio ci dicesse, in Cristo: “Che vi importa se io vi amo?”. Potete fare quello che volete – e infatti voi fate quello che volete. Ma che io vi ami è una realtà definitiva. Potete considerarlo qualcosa di folle o improbabile – oppure potete crederci e viverlo (che si sia amati, bisogna crederlo). Ecco, questa è la mistica nella quotidianità: farsi cercare da Dio e farsi trovare dal suo amore premuroso».

Descrizione

Quando ci alziamo e ci vestiamo, quando andiamo al mercato rionale, mentre siamo in coda all’ufficio postale oppure durante una passeggiata nel bosco: anche lì – in quelle faccende, in quelle relazioni – possiamo essere in cammino verso ciò che si definisce “mistica”.
Gotthard Fuchs ci invita a scoprire proprio la mistica del quotidiano. Trovando ispirazione in Meister Eckhart, in Teresa d’Ávila, in Madeleine Delbrêl, in Simone Weil o in Dag Hammarskjöld, tanto quanto negli incontri con i suoi amici e conoscenti, l’autore ci invita a una esistenza più consapevole della presenza divina.
E ci mostra con chiarezza una cosa: la mistica non è una via separata, una scelta riservata a pochi eletti. È la forma di vita che corrisponde alla richiesta più importante della Bibbia: lasciarsi amare da Dio, amare lui e amare il prossimo, perfino il più lontano – perché i fratelli sono come noi.

Recensioni

«Dal connubio di desiderio e disperazione nasce la mistica». Cosi si esprimeva il tardo Nietzsche e si se guardasse alla mistica da una prospettiva meramente orizzontale, forse gli si darebbe ragione. Cosa spalanca in noi, infatti, le finestre verso l'esperienza di Dio quanto la bellezza (che ci fa uscire da noi stessi) e la sofferenza (che ci fa entrare in noi stessi)? Entrambe ci distolgono dalle nostre sicurezze e ci aprono all'interrogativo di Dio.

Simone Weil, ad esempio, afferma che l'infelicità e la bellezza sono le porte d'ingresso della vita vera. Tra la gioia e la sofferenza abbiamo il ventaglio di tutte le esperienze della vita. Tutta la vita può diventare esperienza mistica.

In questo senso, il presbitero Gotthard Fuchs afferma che «essere cattolico romano significa giocare il tutto per il tutto. Significa essere in obbligo verso il Dio di Gesù, che vuole farsi trovare e cercare in tutte le cose e in tutte le relazioni». Questa è essenzialmente l'idea dietro al volume di Fuchs intitolato Toccati dal divino. Per una mistica del quotidiano.

In un viaggio attraverso la Scrittura, la propria esperienza e la letteratura, l'autore si pone sulle tracce della mistica feriale, quasi volesse dare risposta al quesito posto da Thomas Mann nel suo Doctor Faustus: «In fondo non c'èal mondo che un solo problema ed è questo: Come si fa breccia? Come si spezza la crisalide e si diventa farfalla?».

La sfida della mistica cristiana non è l'esperienza dello straordinario, ma la trasfigurazione dell'ordinario. «Lasciarsi trovare da Dio in tutte le cose, questa è la grande arte». Ma cosa significa ciò? Significa forse voler trovare un super-senso per ogni virgola del quotidiano? La risposta di Fuchs è "no". «Voler enfatizzare il quotidiano in senso spirituale o addirittura caricarlo in senso "mistico" sarebbe tanto forzato quanto fuorviante. C'è un tipo di "mania di senso" religiosa che ha il sapore di una fuga dal mondo. Una toilette è una toilette e un appuntamento è un appuntamento e nient'altro. La mistica non ha nulla a che fare con la ricerca di un senso profondo - ma molto con la presenza, addirittura involontaria».

Cos'è la mistica del quotidiano allora? È l'invito «a lasciarsi segnare da questa presenza divina e a capacitarsene in ogni cosa. La sfida è esserci per davvero, e avere la percezione di ciò che è in questo preciso momento. Allora la toilette e l'appuntamento sono altrettanto importanti quanto la messa solenne e della beatitudine d'amore». Forse, volendo riassumere la visuale di Fuchs possiamo dire che la mistica del quotidiano non sono i fenomeni straordinari, ma è l'attenzione a Dio nell'ordinario.


R. Cheaib, in Theologhia.com 20 novembre 2018

Gotthard Fuchs ci invita a scoprire la mistica del quotidiano. Trovando ispirazione in Meister Eckhart, in Teresa d'Avila, in Madeleine Delbrel, in Simone Weil o in Dag Hammarskjöld, tanto quanto negli incontri con i suoi amici e conoscenti, l'autore ci invita a una esistenza più consapevole della presenza divina. E ci mostra con chiarezza una cosa: la mistica non è una via separata, una scelta riservata a pochi eletti. È la forma di vita che corrisponde alla richiesta più importante della Bibbia: lasciarsi amare da Dio, amare lui e amare il prossimo, perfìno il più lontano – perché i fratelli sono come noi.

«È come se Dio ci dicesse, in Cristo: "Che vi importa se io vi amo?". Potete fare quello che volete - e infatti voi fate quello che volete. Ma che io vi ami è una realtà defìnitiva. Potete considerarlo qualcosa di folle o improbabile – oppure potete crederci e viverlo (che si sia amati, bisogna crederlo). Ecco, questa è la mistica nella quotidianità: farsi cercare da Dio e farsi trovare dal suo amore premuroso».


R. Baldoni, in Consacrazione e Servizio 4/2018, 103

Nietzsche argomentò che dall’unione tra desiderio e disperazione nasce la mistica: con questo incipit l’a., prete della diocesi tedesca di Paderbon e noto pubblicista, ci invita a scoprire la dimensione mistica nella banalità dei gesti quotidiani. Essere mistici, infatti, non significa necessariamente vivere in una dimensione altra, piuttosto il suo tratto distintivo è ravvisabile nel biblico lasciarsi amare da Dio e amare il prossimo, anche quello più lontano da noi, come sé stessi. Un processo complesso, a tratti impossibile da mettere in pratica, ma quasi un obbligo verso il Dio di Gesù che induce all’azione.


D. Segna, in Il Regno Attualità 12/2018

Consigliati